Si può aprire ciò che non si può chiudere

Vota questo articolo
(3 Voti)

Pastorano Cappelle Matierno, 7 Magggio 2020 a cura di don Vi. «Non sia turbato il vostro cuore. Abbiate fede in Dio e abbiate fede anche in me. Nella casa del Padre mio vi sono molti posti. Se no, ve l'avrei detto. Io vado a prepararvi un posto; quando sarò andato e vi avrò preparato un posto, ritornerò e vi prenderò con me, perché siate anche voi dove sono io. E del luogo dove io vado, voi conoscete la via» (Gv 14,1-4).

E’ stato una sorta di tam tam veloce: “si apre…ecco il 18… evviva Gesù… si apre…ritorniamo…il decreto viva il decreto… la legge degli uomini…”

Per comprendere appieno il vero senso dell'aprire sono andato a leggere sul dizionario il suo significato, bene la parola aprire indica: “Spostare un elemento mobile che impedisce di accedere a un luogo o di vedere all'interno di qualcosa; dischiudere, disserrare: a. la porta, scostando i battenti (anche assol., spec. riferito alla porta di casa); a. la finestra, l'armadio; a. un baule, sollevando il coperchio; a. un cassetto, tirandolo a sé; a. una stanza, scostando i battenti della porta d'ingresso”.

Mi sono chiesto in questi giorni passati, tra una meditazione e una preghiera:

Esiste un elemento mobile che impedisca a noi di accedere a Dio?

Esiste un elemento reale che possa chiudere la porta della fede?

Esistono battenti talmente forti da precludere l’accesso all’Amore?

Esiste un baule particolarmente raro e speciale da racchiudere l’essenza stessa della creazione?

Se amassi le banalità e il populismo risponderei NO!

Ma la banalità e il populismo non sono indice di fede e di carità e questa equazione viene fuori dalle tante omelie di Papa Francesco ascoltate in queste mattine, che lui ha celebrato come sacerdote-diacono figlio della vera carità.

Le chiese sono chiuse quando all’essenza si contrappone l’esteriorità, alla grandezza della ricerca di Dio nell’altro si contrappone la mediocrità della ricerca del nostro io negli occhi dell’altro.  

La chiesa, casa di tutti, rimane chiusa quando invece che la carità si vuole fare propaganda, elencando numeri e volti persi nel vuoto.

No!

La chiesa non è mai stata tanto aperta come in questi giorni, poichè è stata aperta dalla voglia dei bambini di giocare con i propri genitori, forse per la "prima" volta.

La chiesa è stata aperta dalle tante coppie di sposi che hanno stretto i denti e hanno imparato a conoscersi.

La chiesa è stata aperta quando ha fatto “CARITAS”.

La chiesa è stata aperta quando ha pregato con Papa Francesco in una piazza vuota ma piena di volti e storie.

La chiesa è stata aperta quando tutti abbiamo capito che per vincere bisogna essere uniti senza nord-sud-est-ovest.

La chiesa è stata aperta quando abbiamo tutti pianto per i tanti morti: medici, infermieri, uomini e donne, laici o clero.

La chiesa è stata aperta sempre… forse i nostri cuori e la nostra fede un poco di meno, ma la bellezza è che Dio ci ama anche così.

Sicuramente apriremo fisicamente le nostre chiese, ma una domanda spero che vi farete nel vostro cuore: voglio somigliare al Samaritano che scendeva da Gerico o al Fariseo nel tempio?

 


Bollettino Caritas Parrocchiale

In questi giorni molti sono stati i gesti di carità concreta che da molti sono giunti alla nostra Caritas, abbiamo sentito la carezza di tutti voi sui nostri cuori affannati e di questo ringraziamo tutti indistintamente.

Il Comune di Salerno e l'assessorato alle politiche sociali.

La protezione civile.

A chi non vuole essere menzionato.

I tanti fratelli e figli della nostra comunità.

A chi ha tolto da sé per dare agli altri.

Alle "carriole" solidali.

Una menzione particolare, per l’accompagnamento e l’incoraggiamento ricevuto, va agli amici e fratelli del Rotary Est nella persona del presidente Carmine Nobile,  bisogna dire che con loro da tempo si è instaurata un'unità d'intenti molto bella e arricchente, fatta di dialogo, preghiera e solidarietà.  In questi giorni hanno voluto donare alla nostra comunità un sanificatore a spalla elettrico con relativo materiale sanificante con il quale abbiamo messo in sicurezza le nostre chiese.   

Di seguito alcune foto della sanificazione fatta oggi 

Ultima modifica il Giovedì, 07 Maggio 2020 19:15

Email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Altro in questa categoria: « Disabilità e chiesa

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

Design by Alessandro Paolillo
Copyright © 2013 JoomlaPlates.com