"CONFINI COME PUNTI DI INCONTRO"

Vota questo articolo
(2 Voti)

Pastorano martedì 15 Ottobre 2019, a cura di don Marco Raimondo.  "CONFINI COME PUNTI DI INCONTRO", è questo uno degli innumerevoli stimoli offerti da una serata di confronto sul tema della Mission Cup 2019, il tema dei "Confini". 

Protagonisti, con il gruppo degli organizzatori adulti, i giovani che hanno risposto all'invito al secondo appuntamento formativo di questa edizione. L'incontro si ricollegava al precedente, nel quale abbiamo assistito alla proiezione dell'avvincente e pluripremiato film indiano "The millionaire" di Danny Boyle. 

Come richiesto, le squadre hanno offerto la loro personale lettura del film sottolineando gli aspetti che in esso riconducono alle divisioni, ai conflitti, alle barriere, alle contraddizioni che spesso sorgono ove un confine diventa un muro invalicabile di odio, pregiudizio, violenza, indifferenza... Così, partendo dalla vicenda narrata, si è passati alla realtà vissuta da ognuno. Certo, perché a volte sentir parlare di missione lascia un attimo atterriti, disorientati... Che posso fare io? Che c'entro io con cose così grandi? Sono domande che spesso ci facciamo. Salvo, poi, scoprire che i temi della missione li cominciamo a vivere prima a partire dal nostro cuore, dalla nostra realtà, dal luogo in cui viviamo. Da qui nasce lo slancio vero e motivato che allarga il cuore fino agli estremi confini e porta pure, in certi casi, a fare scelte più radicali. 

I presenti sono stati invitati a porsi anzitutto delle domande, a scoprire i confini vicini a noi, quelli in cui spesso releghiamo e ci facciamo relegare. Gli spunti sono stati tanti (povertà e ricchezza, amore oblativo e falso amore, onestà e devianza, inclusione e discriminazione, religiosità sana e fanatismo, ecc...) e ci si è ripromessi di approfondirli nel cammino del gruppo Giovani di quest'anno. 

Hanno colpito al cuore le parole di due nostri amici missionari che hanno inviato il loro videomessaggio sul tema. Sono Padre Alex Brai dalla Thailandia e il nostro Pietro Rossini, giovane saveriano in cammino attualmente a Parma. I mezzi della comunicazione ci hanno permesso di vederli e ascoltarli, abbattendo le distanze e ricordandoci che la famiglia umana è su un pianeta in cui i confini sono sempre più vicini e valicabili. Alleghiamo, con le foto, le due testimonianze, insieme con quella di Padre Giovanni Gargano che ci ha invitati a partecipare tutti alla Mission. 

Andare "oltre". "Barriere no; confini sì, ma vissuti come punto d'incontro". E quel messaggio che Cristo ha messo nel cuore e nella penna di San Paolo, come ci ricorda Pietro video: "Non c'è Giudeo né Greco; non c'è schiavo né libero; non c'è maschio e femmina, perché tutti voi siete uno in Cristo Gesù." (Gal 2, 28)

Ultima modifica il Giovedì, 17 Ottobre 2019 05:42

Email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

Design by Alessandro Paolillo
Copyright © 2013 JoomlaPlates.com